D.L. 124/2019, c.d. decreto fiscale : f24 on line nuovi obblighi per i sostituti d'imposta
ULTERIORI AGGRAVI BUROCRATICI IN CAPO ALLE AZIENDE .Dalla data del 27/12/2018 , se verranno osservate dalla Agenzia delle Entrate le prescrizioni di cui alla Legge del 27/07/2000 nr .212 (Statuto dl contribuente ),vi sarà un generalizzato obbligo di pagamento delle Imposte in F24 per il tramite del servizio telematico entratel .

 con l’intervento del D.L. 124/2019, c.d. decreto fiscale, immediatamente operativo sin dalla data di pubblicazione del  27 Ottobre 2019, la compensazione orizzontale dei crediti, relativi alle imposte sui redditi e alle relative addizionali, alle imposte sostitutive delle imposte sui redditi e all'imposta regionale sulle attività produttive per importi superiori a 5.000 euro annui, è ammessa solo a partire dal decimo giorno successivo a quello di presentazione della dichiarazione o dell’istanza da cui emerge il credito. La novità trova operatività già con riferimento ai crediti maturati a decorrere dal periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2019. Di conseguenza, i crediti 2019 non sono più utilizzabili dal giorno successivo a quello di chiusura del periodo d’imposta di riferimento, cioè dal 1° gennaio 2020. A tal fine, il comma 1 dell’art.3 del decreto fiscale “contrasto alle indebite compensazioni”, sostituisce l’ultimo periodo dell'articolo 17, comma 1, del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241.


La compensazione del credito annuale o relativo a periodi inferiori all'anno dell'imposta sul valore aggiunto, dei crediti relativi alle imposte sui redditi e alle relative addizionali, alle imposte sostitutive delle imposte sui redditi e all'imposta regionale sulle attività produttive, per importi superiori a 5.000 euro annui, può essere effettuata a partire dal decimo giorno successivo a quello di presentazione della dichiarazione o dell'istanza da cui il credito emerge.

La suddetta disposizione non riguarda i crediti maturati in qualità di sostituto d’imposta.


Inoltre, attenzione va posta al fatto che il decreto fiscale (art.3 comma 2) estende anche ai soggetti non titolari di partita iva l’obbligo di ricorrere ai servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate per la trasmissione degli F24 con utilizzo di crediti in compensazione (in precedenza, per i non titolari di partita Iva, l’obbligo sussisteva esclusivamente per gli F24 a saldo zero). La previsione restrittiva circa l’utilizzo dei servizi telematici dell’Agenzia, da applicare ai crediti maturati a decorrere dal periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2019, riguarda anche quelli maturati in qualità di sostituto d’imposta (ad esempio, per i rimborsi da 730 o per il “bonus Irpef” di 80 euro).

Dalla data del 27/12/2019 , se verranno osservate dalla Agenzia delle Entrate le prescrizioni di cui alla Legge del 27/07/2000 nr .212 (Statuto dl contribuente ),vi sarà pertanto un generalizzato obbligo di pagamento delle Imposte in F24 per il tramite del servizio telematico entratel .

Leggi tutto
  • Convegno "Giovani, Imprese e Apprendistato" con intervento del Dott. Massimo Giosa "sull'Apprendistato nel sistema produttivo locale. Criticità e opportunità per le imprese ed i giovani".
  • OGGETTO: Decreto legge 17 marzo 2020, n. 18 recante “Misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’ emergenza epidemiologica da COVID 19”. Risposte a quesiti.
  • Per contenere e contrastare i rischi sanitari derivanti dalla diffusione del virus COVID-19, su specifiche parti del territorio nazionale ovvero, sulla totalità di esso, possono essere adottate, una o più misure tra quelle elencate, per periodi predeterminati, ciascuno di durata non superiore a trenta giorni, reiterabili e modificabili anche più volte fino al 31 luglio 2020, termine dello stato di emergenza dichiarato con delibera del Consiglio dei ministri del 31 gennaio 2020, e con possibilità di modularne l'applicazione in aumento ovvero in diminuzione secondo l'andamento epidemiologico del virus.