la stretta sugli appalti ,articolo 4 del Dl fiscale (Dl 124/2019) , novellata ma non rispondente alle aspettative degli imprenditori
Sono circa 100 i correttivi al decreto legge fiscale licenziato ieri dalla commissione Finanze della Camera. Ammorbidita la stretta sugli appalti, confinata a opere superiori a 200 mila euro di valore annuo.

La stretta sugli appalti sarà  confinata a opere superiori a 200mila euro di valore annuo.

la nuova normativa prevede che  tutti i committenti pubblici e privati siano tenuti a richiedere, nei limiti di legge previsti  , ad appaltatori e subappaltatori copia delle deleghe di pagamento relative al versamento delle ritenute fiscali trattenute ai lavoratori impiegati nell’appalto che fa capo a quel committente.

in attuazione di quanto sopra , il committente, al massimo cinque giorni dopo la scadenza del termine per il versamento, riceverà da appaltatore e subappaltatore, oltre alle deleghe di pagamento, un elenco nominativo di tutti i lavoratori impiegati nell’appalto, identificati attraverso il codice fiscale, con il dettaglio delle ore di lavoro prestate, della retribuzione corrisposta e della relativa ritenuta.

Il non rispetto delle summenzionate procedure  potrà essere sanzionato nel corso dell’appalto. Il committente, infatti, dovrà sospendere i pagamenti maturati all’interno del rapporto contrattuale nel caso in cui appaltatore e subappaltatore non trasmettano le deleghe, le informazioni sui lavoratori o «risulti l’omesso o insufficiente versamento delle ritenute fiscali rispetto ai dati della documentazione trasmessa».

E' previsto inolrtre che  il committente potrà anche  essere sanzionato, se non rispetterà i suoi obblighi, per «una somma pari alla sanzione irrogata all’impresa appaltatrice o affidataria o subappaltatrice», per i mancati adempimenti sulle ritenute. In altre parole, correrà il rischio di rispondere direttamente degli inadempimenti dall’appaltatore.

 

Dure  critiche  da parte di Confindustria e dei costruttori edili dell’Ance deluse dalle lievi modifiche che non soddisfano le legittime aspettative di semplificazione . 

Leggi tutto